opere in mostra

Opere in mostra

 

Guido Zuccaro - Miradolo (Paesaggio)

4.14 GUIDO ZUCCARO Miradolo
4.14 GUIDO ZUCCARO Miradolo

GUIDO ZUCCARO

(Udine, 1876 - Bassano del Grappa, Vicenza, 1944)
 

Miradolo (Paesaggio), 1963
olio su tela, 65 × 50 cm, firmato in basso a destra: “G. Zuccaro”; sul verso, sul telaio, in alto a destra: “Guido Zuccaro Miradolo 1936/ (Milano)”, Milano, Collezione Fondazione Cariplo, inv. AI00494AFC
Esposizioni: 1963, Milano, Palazzo del Turismo, n. 225.
Bibliografia: Prima Mostra artisti s.d. [1963], p. 48 n. 225, ill. s.p.; P. Zatti, in Rebora 2000, p. 338, n. 381, ill.

Il dipinto è acquistato dalla Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde all’inizio del 1964 per intermediazione di Magda Martinelli. Vedova del pittore Luigi Zago, la donna è membro dell’Unione Internazionale Vedove d’Artisti, associazione attiva in questo decennio nell’organizzazione di mostre annuali dedicate agli artisti da poco scomparsi. La prima di queste manifestazioni si svolge nel 1963 al Palazzo del Turismo di Milano, dove è esposta l’opera in mostra, accanto ad altri due paesaggi di Zuccaro: Canal Grande e Verso il monte Titano, Rimini.
Datato 1936, Miradolo è opera tarda del pittore e raffigura lo scorcio di un giardino a Miradolo Terme, borgo in provincia di Pavia. Sebbene più noto come ritrattista e decoratore – attività, quest’ultima, testimoniata dal cartone per vetrata Sanctus Ambrosius nella Collezione di Fondazione Cariplo – Zuccaro affronta il genere della pittura di paesaggio fin dagli anni giovanili, ottenendo un discreto successo: lo testimonia, nel 1916, l’acquisto da parte del Comune di Milano del suo dipinto Mattino d’autunno, opera segnalata quello stesso anno dal critico Guido Marangoni sulle pagine del mensile “Emporium”. Rimanendo legato alla propria formazione tardonaturalista, Zuccaro abbrevia negli anni il gesto pittorico realizzando, come nell’opera in mostra, veloci impressioni di colore ispirate a luoghi familiari.

Laura Casone

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA