opere in mostra

Opere in mostra

 

Tozzi Mario - Paesaggio di Borgogna

Tozzi Mario   Paesaggio di Borgogna
Tozzi Mario Paesaggio di Borgogna

MARIO TOZZI

(Fossombrone, Urbino, 1895 - Saint-Jean-du-Gard, Francia, 1979)
 

Il contadino nei campi di Lignorelles (Paesaggio di Borgogna), 1922
olio su tela, 30,5 x 38 cm Verbania, Museo del Paesaggio
Esposizioni: 1995, Verbania, Mario Tozzi 1895-1979; 2014, Verbania, Genius Loci. Bibliografia: Pasquali 1988, p. 112, n. 1922/11; Mario Tozzi 1995.

Agli inizi degli anni venti Tozzi muta sensibilmente l’impianto della sua pittura. Giunto a Parigi nel 1919 (dopo il matrimonio con la francese Marie Thérèse), coglie tempestivamente il clima del ritorno all’ordine, caratterizzato dall’interesse per il disegno, la ricostruzione della forma, la solidità dei volumi. Lui stesso racconta: “In rue La Boetie ed a Montparnasse scopersi il fermento vivo dell’attualità […] Così credetti subito in Picasso allora classico e monumentale ed aderii senza riserve al movimento dei Valori Plastici e della pittura metafi sica già iniziato in Italia da de Chirico, Carrà, Morandi e Broglio” (M. Tozzi, 1931, ora in Mario Tozzi 1995, p. 172). In una lettera del 1921 ad Antonio Massara, fondatore del Museo del Paesaggio, chiarisce: “Gli impressionisti ci hanno detto che la forma non esiste. […] Chiacchiere, i corpi hanno sempre una forma ben distinta, ben definita, ed è nostro dovere ricercarla” (M. Tozzi, Lettera ad Antonio Massara, 1921, in Mario Tozzi 1995, pp. 172-73). Così in quest’opera (un paesaggio di Lignorelles nella Borgogna, dove l’artista si recava in vacanza, soprattutto d’estate) si assiste a un raddensamento della forma. Ai filamenti impressionisti delle opere precedenti si sostituiscono strisce compatte d’ocra e di verde che danno il senso della massa, anche se la composizione nasce ancora dal colore. Tozzi procederà negli anni successivi verso una sempre maggiore solidifi cazione dei volumi, in opere immerse in un’atmosfera straniata, tra metafisica e realismo magico.

Elena Pontiggia

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA