opere in mostra

Opere in mostra

 

Anselmo Bucci - Monza di sera

Anselmo Bucci   Monza di sera
Anselmo Bucci Monza di sera

ANSELMO BUCCI

(Fossombrone, Pesaro, 1887 - Monza, 1955)
 

Monza di sera, 1953
olio su tavola, 54 x 80 cm, firmato sul retro, al centro “ 1953 / A. BUCCI / MONZA DI SERA”, Monza, Collezione Musei Civici di Monza - Casa degli Umiliati, inv. def. 0143,
Esposizioni: 2000, Monza, La Brianza dipinta; 2005, Monza, Anselmo Bucci 1887-1955; 2009, Monza, Orizzonti.
Bibliografia: La Brianza dipinta 2000, p. 55; Anselmo Bucci 1887- 1955 2005, pp. 39-43, 209-210; Orizzonti 2009, pp. 83, 87-88, 133-134.

Monza di sera è un dipinto donato ai Musei Civici di Monza dall’autore stesso che, fin da giovane, intrattiene un rapporto particolare con questa città. Vi giunge nel 1904, dove entra subito a far parte del Coenobium, un circolo di artisti e intellettuali dove farà la conoscenza di coloro che sarebbero diventati i suoi amici migliori, tra cui Dudreville e Bajoni. Monza è il luogo dove sceglie di vivere quando, nel 1943, il suo atelier milanese viene distrutto dai bombardamenti.
In quest’opera, la città viene rappresentata da sud-est, un punto di vista insolito, col duomo di spalle e il campanile che spicca al centro della tavola. Spostato più a destra, invece, l’altro grande monumento monzese: l’Arengario, facilmente riconoscibile per la torre campanaria. Il tramonto riscalda tutto il quadro e accentua le numerose superfici di mattoni rossi; ai muri illuminati, si contrappongono quelli in ombra, caratterizzati da colorazioni violacee e azzurrognole.
L’alternarsi così ritmato di facciate rosse, luminose, e facciate scure rende magnificamente l’idea della luce radente del sole che sta giungendo alla fine del suo percorso nel cielo. Sul fondo, alcune figure di edifici sono raffigurate come pure ombre, dove i raggi solari già non arrivano più.

Martina Franzini

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA