opere in mostra

Opere in mostra

 

Pino Pascali - Missile

Pino Pascali   Missile
Pino Pascali Missile

PINO PASCALI

(Bari, 1935 - Roma, 1968)
 

Missile, 1964
pittura su cartone, 64,5 x 17 cm, Monza, Fondazione Luigi Rovati
Esposizioni: 2009-2010, Foligno, Spazio, tempo, immagine.
Bibliografia: Tomassoni, Fraglica 2009.

L’opera, che proviene dalla collezione privata di Sandro Lodolo, è uno dei bozzetti per il Missile in lamiera, anch’esso conservato nella stessa collezione e prodotto nel 1964 su committenza dell’azienda petrolifera “Esso” come elemento preliminare funzionale al montaggio di uno spot pubblicitario.
Il linguaggio grafico che caratterizza il Missile è di sapore decisamente pop, con un accostamento di cifre, lettere, simboli e scritte fra cui si legge in grande la sigla “USA” e varie parole in lingua inglese, parte di un testo in caratteri più piccoli, dipinto in grigio “tono su tono” e collocato perpendicolarmente rispetto alla verticale dell’opera stessa.
Pascali realizzava d’abitudine diverse versioni dello stesso soggetto, sviluppando nella sua personale ricerca artistica temi, tecniche e linguaggi che adoperava per rispondere agli incarichi professionali che gli venivano affidati come grafico pubblicitario. Fra essi, le armi (oltre a missili e lanciamissili, cannoni, bombe, fucili, pistole, mitragliatrici) costituiscono senza dubbio una delle sue grandi passioni, elaborate in decine di varianti diverse, spesso di dimensioni importanti; giocattoli ma anche ironici ribaltamenti delle icone pacifiste che andavano per la maggiore in quegli anni di hippies e figli dei fiori. Invece Pascali, sfrontato, gioca alla propaganda militare; la logica, o il delirio di potenza su cui si basa la corsa agli armamenti durante la Guerra Fredda, e specialmente in quei mesi che vedono i primi interventi militari americani in Vietnam, ispira anche questa pubblicità del carburante che promette di proiettare felicemente il missile verso il suo obbiettivo; però la vivacità della patina cromatica e l’evidente giocosità dell’immagine fanno riferimento più al mondo dei bambini e delle favole che a quello degli eserciti.
Vicina soprattutto a Jasper Johns, l’opera dialoga apertamente con la Pop Art, assimilando il prodotto artistico all’immaginario massificato ma desacralizzando entrambi con spirito provocatorio e ludico.

Martina Corgnati

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA