opere in mostra

Opere in mostra

 

G. Lolli - Diploma d’onore a C.G.S. - Esposizione internazionale di Genova e Vincenzo Aragozzini - Aereo-fotografia dello stabilimento C.G.S.

G. Lolli   Diploma d’onore a C.G.S.   Esposizione internazionale di Genova e Vincenzo Aragozzini   Aereo fotografia dello stabil
G. Lolli Diploma d’onore a C.G.S. Esposizione internazionale di Genova e Vincenzo Aragozzini Aereo fotografia dello stabil

G. LOLLI

Diploma d’onore a C.G.S. - Esposizione internazionale di Genova, 1914
stampa litografi ca, 62 x 80 cm fi rmato in basso a destra: “G. Lolli”
Monza, Collezione Musei Civici di Monza - Casa degli Umiliati, inv. def. 1824, def. 1823

VINCENZO ARAGOZZINI

(Milano, 1891-1975)

Aereo-fotografia dello stabilimento C.G.S., metà del XX secolo
stampa fotografi ca, 41 x 47 cm Istituto d’arti grafi che Bergamo - Edizione dello studio ed offi cina d’arte cav. M. Nelli & C. Firenze fi rmato in basso a destra: “Cav. V. Aragozzini fotografo”
Monza, Collezione Musei Civici di Monza - Casa degli Umiliati, inv. def. 1824, def. 1823

La C.G.S. Società Anonima per istrumenti elettrici, già C. Olivetti & Co., venne fondata a Monza da Camillo Olivetti nel 1903 in seguito al trasferimento della sua prima azienda sorta a Ivrea nel 1894. La sigla C.G.S. è l’acronimo di Centimetro-Grammo-Secondo, ossia il sistema di misurazione adottato all’epoca che considerava queste tre unità di misura come quelle fondamentali, poi sostituito dal Sistema Internazionale. La C.G.S. fu la prima azienda italiana impegnata nella produzione di strumenti per la misurazione elettrica. La direzione della C.G.S. venne poi affi data da Olivetti all’amico Dino Gatta nel 1907, mentre lui tornò a Ivrea nella “piccola fabbrica di mattoni rossi” per fondare l’Accomandita Semplice Ing. C. Olivetti & Co., come recitava l’insegna “Prima Fabbrica Nazionale di Macchine per scrivere”. Rimase comunque presidente della C.G.S. fi no al 1917, anno in cui scelse di vendere le proprie quote per poter reinvestire il capitale nell’Olivetti. Il Diploma d’onore viene assegnato alla C.G.S. nel 1914 alla fi ne della grande Esposizione Internazionale di Genova, inaugurata a maggio di quell’anno: le mostre in cui era suddivisa erano Marina - Igiene marinara, Mostra Coloniale Italiana, Educazione Fisica e Mostra Italo-americana, sezione quest’ultima che forse ospitava la C.G.S., essendo un’azienda pionieristica nel suo campo, sorta dopo soggiorni di studio in America da parte di Camillo Olivetti. Dal punto di vista fi gurativo, il diploma è un’esaltazione della potenza coloniale italiana: al centro è posta l’allegoria dell’Italia, una donna abbigliata con un ricco abito verde, bianco e rosso, che regge una fi accola e che si erge su di un bassorilievo rappresentante san Giorgio (simbolo importante per la città, benché non ne sia patrono, poiché sarebbe apparso ai soldati genovesi durante le crociate). L’aereo-fotografi a, fi rmata in basso a destra “Cav. V. Aragozzini fotografo”, risale probabilmente alla fi ne degli anni cinquanta, quando l’azienda aveva raggiunto dimensioni ragguardevoli: da 2000 mq per 200 operai nel 1912 passò, nel periodo del grande sviluppo economico post-bellico, a una superfi cie di 14000 mq e 500 operai, come segnala l’etichetta posta sotto la fotografi a. Entrambi i documenti vengono donati ai Musei Civici di Monza nel 2006 proprio dalla C.G.S. che, negli anni, raccolse una discreta quantità di oggetti utili alla realizzazione di un piccolo museo dell’azienda.

Martina Franzini

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA