opere in mostra

Opere in mostra

 

Vittorio Bellini - Unter den Linden

Vittorio Bellini   Unter den Linden
Vittorio Bellini Unter den Linden

VITTORIO BELLINI

(Monza, 1917-2014)
 

Unter den Linden, 1980
olio su tela, 70 x 70 cm, Monza, Collezione Musei Civici di Monza - Casa degli Umiliati, inv. def. 1436
Esposizioni: 1986, Monza, “Presenze” dipinti e disegni.

Vittorio Bellini, monzese d’origine, studia ingegneria ma la sua vocazione è l’arte: la pittura prima e la scrittura poi. Nonostante pratichi la professione di ingegnere rilevando lo studio familiare, la pittura è la passione della sua vita e otterrà anche in questo campo ottimi risultati: uno fra tutti la partecipazione a due edizioni della Biennale di Venezia nell’immediato dopoguerra.
Unter den Linden rappresenta uno scorcio del più importante viale di Berlino nel 1980, periodo in cui la città era ancora divisa dal Muro. La scena è ambientata nel lato orientale della città: i cartelli che si incrociano all’angolo superiore destro indicano Unter den Linden e Marx-Engels-Platz (oggi Schloßplatz), ossia la piazza sulla quale un tempo si affacciava il Castello di Berlino, abbattuto nel 1950 dalla Repubblica Democratica Tedesca. Al suolo, reso semplicemente in bianco, si staglia l’ombra della Porta di Brandeburgo di cui si legge distintamente il profilo; il punto di vista è proprio quello della statua della Vittoria posizionata sulla sommità della suddetta porta. La scena è divisa a metà dal muro grigio che taglia tutto il quadro: al di là spuntano varie insegne, tra cui spiccano quella della Mercedes e della Coca Cola: quest’ultima, in particolare, è simbolo di quel liberismo che non era possibile praticare nella sezione governata dal governo comunista.
L’unico elemento apparentemente fuori posto in questo dipinto dall’atmosfera asettica è una foglia caduta sotto al cartello Unter den Linden, dipinta realisticamente, in contrasto con l’essenzialità degli altri elementi: si tratta di una foglia di Linde, il tiglio, l’albero che diede il nome a quell’arteria cittadina e che, prima della distruzione bellica, costituiva il principale protagonista del paesaggio cittadino lungo il viale.

Martina Franzini

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA