opere in mostra

Opere in mostra

 

Scultore del XVI secolo - Artemide

Artemide
Artemide

SCULTORE DEL XVI SECOLO

Artemide, prima metà del XVI secolo
marmo, 52 x 54 cm Mantova, Museo della Città, Palazzo San Sebastiano, inv. 11580
Bibliografia: Borsa 1790, p. 13; Labus 1837, II, pp. 149-155; Ozzola 1950, pp. 35-36, n. 66; M.G. Vaccari, in Palazzo del Capitano 1986, pp. 48-49, n. 62; Paolucci 1988, ill. p. 19, p. 20; Ventura 2005, p. 84.

Il rilievo ci presenta la figura di Artemide: la dea è rappresentata come cacciatrice insieme ai suoi attributi consueti, ovvero la falce di luna che le orna la testa, al pari di un sofisticato diadema, la faretra con le frecce, assicurata al busto tramite una leggera fascia che attraversa l’addome, e l’arco, che ella stringe nella mano sinistra. Lo stato frammentario dell’opera, che risulta carente della porzione inferiore secondo una linea che taglia a metà la coscia della protagonista, non ci permette di individuare un ulteriore elemento a corredo della rappresentazione: la cinghia stretta nella mano destra doveva infatti tenere legato, all’altra estremità, un cane o un cervo, animali che accompagnano spesso la dea rievocando il suo ruolo di cacciatrice. Appare invece piuttosto inconsueta la scelta di ritrarre la vergine completamente nuda, priva cioè del consueto chitone che la copre abitualmente quando si appresta a inseguire le fiere selvagge.

L’immagine delineata nel rilievo mantovano coniuga la doppia iconografia di Artemide: quest’ultima è infatti associata sia al mondo della natura, e in particolare alla caccia, sia all’astro lunare e alla sua potente influenza sui fenomeni terrestri. Al pari di suo fratello Apollo, dio del sole, Artemide domina invece la notte e tutti gli aspetti oscuri a essa legati. Le sue frecce se da un lato sono strumento necessario per la preda degli animali selvaggi, dall’altro alludono ai fasci di luce della luna e delle stelle. L’anonimo autore del marmo ha raffigurato la dea in una posizione alquanto innaturale: mentre infatti il volto è ritratto di profilo, le spalle appaiono perfettamente frontali, al pari dei seni; la torsione impressa al bacino lascia invece intuire un moto degli arti inferiori nella medesima direzione indicata dal capo. Del resto altrettante incertezze si riscontrano nella caratterizzazione anatomica della figura, come si osserva nelle braccia dai muscoli simili a quelli di un lottatore antico, nei seni dalla forma conica o, ancora, nella resa approssimativa dei polsi e delle mani.

Donato all’Accademia di Mantova dal conte Giovanni Battista d’Arco, il rilievo fu esposto nel Museo dell’istituzione, dove lo descrivono Matteo Borsa, nel catalogo dato alle stampe nel 1790, e successivamente Giovanni Labus, il quale lo riconosce in un’opera antica. Fu Carlo Ozzola a riferirlo all’epoca moderna e ad avanzare l’ipotesi che potesse trattarsi di una creazione di Pier Jacopo Alari Bonacolsi detto l’Antico. Sebbene l’attribuzione a quest’ultimo scultore sia già stata smentita dalla critica successiva, l’accostamento a questo nome si rivela comunque significativo al fine di delineare uno dei caratteri principali dell’opera. Con l’Antico l’autore dell’Artemide condivide infatti l’interesse per le testimonianze classiche e il desiderio di ricrearne le forme in una veste che potesse soddisfare i gusti dei committenti.

Non sappiamo se fosse esistito un modello preciso che ispirò l’opera in oggetto: è certo però che sia il tema della dea cacciatrice, sia la predilezione per la tecnica del bassorilievo erano in grado di rievocare immediatamente l’antichità e i suoi splendori. Non si può inoltre escludere che la scelta di una divinità femminile nasconda la commissione di una donna, la quale si sarebbe rispecchiata nelle virtù di cui Artemide era simbolo, come la purezza o la castità.

Michela Zurla

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA