opere in mostra

Opere in mostra

 

Ramsay Richard Reinagle - Twilight

Twilight
Twilight

RAMSAY RICHARD REINAGLE

(Londra, 1775 - Chelsea, 1862)
 

Twilight, 1807
61. olio su tela, 71 × 91,5 cm al verso, etichetta sul telaio: “Philip Reinagle, Ra- / b.1749 -d. 1833 / Sunset R.a. 1807” 62. olio su tela, 71 × 92 cm al verso, etichetta sul telaio: “Philip Reinagle, Ra- / b.1749 -d. 1833 / Twilight R.a. 1807”, sul retro, etichetta sulla cornice: “P. Reinagle / N.2” Milano, Collezione Fondazione Cariplo, invv. AH01559AFC e AH01558AFC
Esposizioni: 2018, Bruxelles, Cinquantenaire Museum, Da Tiepolo a Richter, l’Europa che dialoga (senza catalogo).
Bibliografia: P. Zatti, in Le collezioni d’arte 1999, pp. 310-311, nn. 210 (riproduzione errata), 211.

Le etichette antiche ancora visibili sul telaio di entrambi i dipinti riportano il titolo e la data “1807”, ma ne identificano erroneamente l’autore nell’acquarellista inglese Philip Reinagle, paesaggista e pittore di animali. Il confronto stilistico con le opere documentate di Ramsay Richard, figlio di Philip, avvalora invece l’ipotesi che le due tele in mostra siano attribuibili a quest’ultimo. Dopo il debutto appena tredicenne alla Royal Academy nel 1788, al rientro dal viaggio d’istruzione in Italia e Olanda, Ramsay Richard Reinagle si stabilì a Londra, dove si dedicò all’esecuzione di dipinti panoramici, ossia ampie composizioni pittoriche che si dispiegavano su una superficie ininterrotta di centinaia di metri all’interno di vasti ambienti circolari, in modo da suggerire allo spettatore l’illusione di trovarsi al centro di un avvenimento storico o di un paesaggio. Come ricorda John Constable – la cui amicizia giovanile con Reinagle è testimoniata da due ritratti (1799, Londra, National Portrait Gallery, e 1800, collezione privata) –, il fallimento di quell’impresa nel 1807 spinse l’artista a lasciare la città, in compagnia del pittore di paesaggi William Havell, per dirigersi verso il distretto dei Laghi, nella contea del Cumberland, alla ricerca di nuovi soggetti. I due soggiornarono ad Ambleside, inizialmente presso John e Jessy Harden a Brathay Hall, in uno dei luoghi più suggestivi del paesaggio inglese, che fu dipinto da Joseph Mallord William Turner nel 1797 e da John Constable nel 1806, nonché tramandato nei versi dai “lake poets” – William Wordsworth, Robert Southey e Samuel Taylor Coleridge – che qui vissero nel primo decennio dell’Ottocento. Come ci suggerisce la data 1807, a questo soggiorno risale l’esecuzione di Sunset e Twilight, opere che fermano in una suggestiva atmosfera crepuscolare quei luoghi, restituendoci attraverso una sensibilità pienamente romantica il sentimento di partecipazione e di stupore dell’artista di fronte allo spettacolo della natura. Al suo rientro nel 1808 Reinagle espose cinque vedute del Lake District alla Society of Painters in Water Colours, continuando a riproporre questo repertorio di successo fino al 1831, quando presentò l’acquerello intitolato Loughrigg Mountain and River Brathy, near Ambleside, oggi conservato alla Tate Gallery di Londra.

Elena Lissoni

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA