opere in mostra

Opere in mostra

 

Favretto, La pollivendola

15  AH01538AFC
15 AH01538AFC

GIACOMO FAVRETTO

(Venezia, 1849-1887)
 

Villanella pollaiola (La pollivendola), 1880
olio su tela, 49 x 38,5 cm firmato in basso a destra: “G. FAVRETTO ”
Milano, Collezione Fondazione Cariplo, inv. AH01538AFC


In questa piccola tela databile al 1880 Giacomo Favretto raffigura un brano di vita popolare colto lungo una calle veneziana. Il soggetto gode di particolare fortuna nella produzione del pittore e le affinità maggiori possono riscontrarsi in due opere databili al 1878, Lavoro a maglia e La venditrice di polli (entrambe in collezioni private), dove troviamo la stessa modella con scialle rosso e cappello intenta a lavorare a maglia all’ingresso di un pollaio. La medesima ambientazione è anche in Amore fra i polli (Milano, Collezione della Provincia di Milano), dipinto presentato a Milano nel 1879 e all’Esposizione Internazionale d’Arte della Città di Venezia nel 1899, in occasione della retrospettiva dedicata al pittore scomparso dodici anni prima. Anche la terza figura in primo piano, posta di spalle e abbigliata con un ampio scialle decorato, ritorna in numerose opere tra le quali ricordiamo Erbaiolo veneziano (collezione privata), presentata nel 1880 all’Esposizione Nazionale di Belle Arti di Torino. In tutte queste opere Favretto dimostra quell’interesse per la vita e per i costumi popolari che determinarono la fortuna della sua pittura di genere, sempre caratterizzata dallo studio dal vero dei soggetti e da una resa pittorica riconoscibile per gli abili accostamenti cromatici e i brillanti effetti di luce. In Villanella pollaiola tratteggia con rapidi tocchi una scena particolarmente vivace, insistendo sul contrasto tra l’abito scuro ed elegante della donna al centro e i costumi più popolari ma sgargianti della pollivendola e della giovane ritratta di spalle.
Laura Casone

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA