opere in mostra

Opere in mostra

 

Pajetta, Idillio

021 GG583
021 GG583

PIETRO PAJETTA

(Serravalle di Vittorio Veneto, Treviso, 1845 - Padova, 1911)
 

Idillio, 1893
olio su tela, 145 x 80 cm firmato e datato in basso a destra: “P. Pajetta 93”
Novara, Galleria Giannoni, inv. GG583, donazione 1938 (Archivio Musei Civici, Inventario 22 aprile 1963, p. 37)


Il soggetto del dipinto, esposto nell’attuale allestimento permanente della Galleria Giannoni (sezione 5, L’età del naturalismo attraverso le scuole regionali italiane, Veneto, sala 5), mette in luce con chiarezza i caratteri del linguaggio artistico del pittore, che frequenta l’Accademia di Bologna e che, a partire dall’ultimo decennio dell’Ottocento, privilegia soggetti rustici, distinguendosi come animalista. Nella tela novarese, aneddotica nella sua narrazione e giunta con l’ultimo gruppo di opere, la pastorella si intrattiene con il giovane che appare fra l’arbusto fiorito. In primo piano è raffigurato il vitello, molto bene caratterizzato nel suo piglio deciso e nell’espressione ferma, definito con grande cura nella resa dei particolari. Meno dettagliata è la figura femminile, di cui prevalgono i volumi e i toni accesi del grembiule e del fazzoletto rosso che le copre il capo. L’impasto cromatico è ricco di passaggi di tono, ottenuti dal colore steso con tecnica impressionista utilizzando pennellate svelte e pastose che modellano i volumi delle figure e degli edifici che fanno da sfondo. Il dipinto è stato realizzato nel momento più interessante della produzione pittorica di Pietro Pajetta, che proprio nel 1893, a Milano, aveva ottenuto importanti riconoscimenti. Questi, preceduti da quelli di Londra del 1884, erano stati seguiti a Torino, dall’attribuzione, nel 1898, dell’Assegno Levi con Le gioie di famiglia acquistato dal Ministero della Pubblica Istruzione per la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.
Emiliana Mongiat

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA